personale.jpg

Suggerimenti per la scrittura di una proposta

 

Nella scrittura della proposta relativa ad un topic può essere di grande aiuto la comprensione del contesto politico nel quale la call è maturata. Dai riferimenti interni al topic è spesso possibile risalire a documenti di analisi dell’argomento e quindi al gruppo di Esperti che ha prodotto la riflessione. Gli Esperti sono portatori di interessi relativi all’industria, alla ricerca o alla società civile. Molto proficuo può risultare il tentativo di attrarre un Esperto nel partenariato

 

Definire la proposta in una rapida bozza:

Topic …………………………………………………………………………………………………………………………………………………………...................

Titolo progetto/Acronimo ……………………………………………………………………………………………………………………………………………

Obiettivi................................................................................................................................................................

Breve descrizione del contesto

Perché occuparsene? Quale problema stiamo cercando di risolvere?

È una priorità europea? Potrebbe essere risolto a livello nazionale?

La soluzione è già disponibile?

Perché ora? Che cosa accadrebbe se non si intervenisse ora?

Perché noi? Siamo le persone più adatte per fare questo lavoro?

Impatto atteso

Quali saranno i risultati del progetto? Chi userà i risultati?

Perché vogliono utilizzare i risultati?

Come si sta progettando il trasferimento dei risultati?

Che cosa cambierà dopo il progetto? 

Attività/fasi……………………………………………………………………………………………………………………………………………………

Consorzio/partenariato di progetto…………………………………………………………………………………………………………………………………….

Durata/Costi………………………………………………………………………………………………………………………………………………….

 

 

SCRITTURA DELLA PROPOSTA

PARTE A: Informazioni di carattere amministrativo

Informazioni generali (a cura del coordinatore)

Informazioni Partecipante (a cura di ciascun partner)

Budget (da completare a cura del coordinatore)

A1: Informazioni generali:

- Titolo del progetto

- Acronimo

- Parole chiave

- Abstract (massimo 2000 caratteri, spazi inclusi)

- Dichiarazioni (declarations relative alla correttezza dell'istanza, a cura del coordinatore)

A2 : Dati amministrativi di tutti gli enti partecipanti:

- Tutti i beneficiari devono avere un codice PIC 

- Per ogni ente deve essere indicato un referente (contact person) 

 

PARTE B: Informazioni tecniche

Progetto di ricerca in formato PDF. Deve rispondere ai criteri di valutazione

I criteri di valutazione di una proposta sono:

  • Eccellenza
  • Impatto atteso
  • Qualità ed efficienza dell’attuazione
  • Membri del Consorzio
  • Etica e problemi di sicurezza

 

Viene assegnato un punteggio ad ognuno dei primi tre criteri. Ciascun criterio è valutato da 0 (Non-relevant) a 5 (Excellent)

È possibile assegnare punteggi con decimali

Soglia minima per criterio 3/5

Soglia complessiva 10/15 

Interpretazione dei Punteggi

0 - La proposta non rispecchia il criterio o non può essere valutata a causa di informazioni mancanti o incomplete.

1 - Povero. Il criterio è trattato in modo inadeguato, o vi sono serie debolezze intrinseche.

2 - Corretto. La proposta affronta in generale il criterio, ma ci sono debolezze significative.

3 - Buono. La proposta affronta il criterio bene, ma è presente un certo numero di carenze.

4 - Molto buono. La proposta affronta il criterio molto bene, ma sono presenti poche carenze.

5 - Eccellente. La proposta affronta con successo tutti gli aspetti pertinenti del criterio. Eventuali carenze sono minime.

 

Eccellenza

1.1 Obiettivi

Gli obiettivi devono essere SMART:

Specifici = devono soddisfare le esigenze identificate

Misurabili = dovrebbero essere misurati con indicatori concreti 

Accettabili = da tutti i partner coinvolti

Rilevanti = devono essere adeguati al contesto socio-culturale

Tempestivi = devono essere raggiunti entro la fine del progetto

Suggerimenti:

Utilizzare gli elenchi puntati

Utilizzare i numeri 

Iniziare le frasi con un verbo 

La sezione 1.1 dovrebbe iniziare con una breve descrizione del problema e della sua rilevanza nel contesto europeo

L'obiettivo generale dovrebbe offrire una visione di come risolvere il problema o migliorare la situazione attuale 

La domanda più importante è: che cosa il proponente intende conseguire?

 

1.2 Relazione con il programma di lavoro

Indicare il programma di lavoro cui la proposta si riferisce e spiegare come la proposta affronta il problema specifico nella sua portata

La giusta domanda da porsi è: in che modo la proposta affronta le questioni sollevate dalla sfida? 

E non: che cosa sarà esattamente fatto e quando? Qual è l'idea di fondo?

Utilizzare tabelle comparative 

Non lasciare problemi irrisolti 

Un problema ben posto dovrebbe: riguardare le persone, essere concreto e risolvibile, provenire da una domanda, rispondere ad un'emergenza o ad una priorità

 

1.3 Concetto e metodologia

a. Concetto

Descrivere e spiegare il concetto generale alla base del progetto. Descrivere le idee principali, i modelli o le ipotesi coinvolti. Identificare connessioni interdisciplinarie e, possibilmente, la conoscenza delle parti interessate (stakeholder)

Descrivere il posizionamento del progetto nel processo da idea a mercato: ricerca di base, fattibilità, validazione in laboratorio, dimostrazione su larga scala, commercializzazione. Fare riferimento ai livelli di maturità tecnologica (Technology Readiness Levels, TRL)

Descrivere le attività di ricerca e innovazione nazionali o internazionali che saranno collegate al progetto, e come i risultati di tali attività confluiranno nel progetto

Domande:

Qual è lo stato dell’arte? Quali sono le attuali (insufficienti) opzioni e i loro svantaggi

Quali sono le lacune rispetto alle esigenze dei consumatori?

Su quale ipotesi innovativa si basa il progetto?

Quali sono i risultati innovativi che hanno portato ad ipotizzare che un metodo alternativo potrebbe essere più adatto - meglio se i partner del consorzio hanno contribuito a questi risultati 

La domanda giusta è: qual è il modello di base / ipotesi, e come offre una soluzione o un miglioramento del problema?

La domanda sbagliata è: che cosa sarà fatto e quando?

b. Metodologia

Descrivere e spiegare la metodologia generale, distinguendo le attività indicate nella relativa sezione del programma di lavoro, ad esempio, attività di ricerca, di dimostrazione, di prima applicazione commerciale, etc.

Può risultare molto utile un diagramma di flusso che visualizzi le fasi del progetto e la loro interconnessione

Non identificare risultati che non corrispondono ad un problema

Non identificare risultati per i quali non si dispone di una soluzione

Non proporre attività che non siano legate a problemi e risultati

 

1.4 Ambizione

Descrivere il superamento dello stato dell'arte che la proposta fornirebbe, e in che misura il lavoro proposto è ambizioso. Fare riferimento alla natura innovativa degli obiettivi, dei concetti coinvolti, dei problemi da affrontare e dei metodi da utilizzare 

Descrivere il potenziale innovativo della proposta. Se esistenti, fare riferimento a prodotti e servizi già disponibili sul mercato 

 

Impatto

Impatto = la misura del beneficio che deriva dall’Innovazione

Ogni tipo di beneficio

Non deve essere necessariamente finanziario

L’impatto dell’Innovazione può essere sociale, tecnico, commerciale, ambientale, etc.

Deve proiettarsi al di là della durata del progetto   

Impatto diretto: risultati e applicazione immediata della ricerca/progetto

Impatto indiretto: creazione di nuovi posti di lavoro, miglioramenti ambientali, benefici a lungo termine, nuove applicazioni in altre aree, scoperte derivanti dal progetto, etc.

Innovare = creare Valore, apportare qualcosa di nuovo e di utile nell’uso comune 

novità in assoluto

migliorare qualcosa di già esistente 

trasformare idea in fatturato, profitto, o qualcosa di utile 

cambiare le "regole del gioco" 

 

2.1 Impatto atteso

Descrivere come il progetto contribuirà a:

ciascuno degli impatti attesi menzionati nel programma di lavoro.

Descrivere gli eventuali ostacoli, e le eventuali condizioni quadro (quali la regolamentazione, norme, l'accettazione pubblica, le considerazioni della forza lavoro, il finanziamento di misure di follow-up, la cooperazione di altri anelli della catena del valore) che possono determinare se e in quale misura gli impatti attesi saranno raggiunti 

Suggerimenti:

Predisporre tavole comparative

Considerare:

Impatto economico

Impatto sociale

Impatto ambientale

Impatto scientifico

Indicatori di performance

Contributi agli standard tecnici

Domande:

Quali cambiamenti si configurerebbero introducendo l’innovazione sul mercato?

Qual è il potenziale di crescita atteso in termini di fatturato, occupazione, dimensioni del mercato, gestione della proprietà intellettuale, vendite, ritorno sugli investimenti e profitto, etc.?

Qual è il finanziamento stimato per raggiungere il mercato?

 

2.2 Misure per massimizzare l'impatto

a) la diffusione e valorizzazione dei risultati

Fornire un piano per la diffusione e la valorizzazione dei risultati. Tale piano è una delle condizioni di ammissibilità, a meno che l'argomento non affermi esplicitamente che tale piano non è necessario. Il piano deve mostrare come le misure proposte contribuiranno a raggiungere l'impatto previsto dal progetto. Il piano dovrebbe contenere le misure da attuare sia durante, sia dopo la fine del progetto

Delineare la strategia per la gestione della conoscenza e la protezione dei dati. Includere misure volte a fornire accesso aperto, gratuito on-line, per le pubblicazioni scientifiche che potrebbero derivare dal progetto

La Dissemination è la diffusione al pubblico dei risultati di un progetto attraverso qualsiasi media. Si tratta di un’attività di promozione al fine di incentivare l’utilizzo dei risultati da parte dei vari gruppi di stakeholders potenzialmente interessati (altri ricercatori, industrie, attori commerciali o policy makers)

L’exploitation riguarda l’utilizzo (diretto / indiretto) dei risultati dell'attività di ricerca per ulteriori sviluppi, realizzazione e commercializzazione di prodotti o processi o servizi

b) Le attività di comunicazione

Descrivere le misure di comunicazione proposte per la promozione del progetto e dei suoi risultati durante il periodo del finanziamento. Le misure devono essere adeguate alle esigenze dei vari segmenti di pubblico

Per Communication si intende usare misure strategiche e mirate per promuovere le azione del progetto e i suoi risultati presso un vasto pubblico, compresi media e opinione pubblica, creando un dialogo bidirezionale. L'obiettivo è raggiungere la società nel suo complesso e, in particolare, alcuni pubblici specifici, dimostrando come i finanziamenti dell'UE contribuiscano ad affrontare le sfide della società

Public engagement implica il coinvolgimento dei cittadini nel processo decisionale o nel processo di ricerca stesso. Il pubblico può essere coinvolto nei processi di ricerca e innovazione (R&I) in un certo numero di modi diversi e con differenti obiettivi:

raccogliendo input sotto forma di pareri (sondaggi di opinione e focus group)

raccogliendo giudizi che potrebbero influenzare le politiche (conferenze di consenso, giurie di cittadini) 

 

Qualità ed efficienza dell’attuazione

3.1 Piano di lavoro - pacchetti di lavoro, risultati finali e tappe

Organizzare:

breve presentazione della struttura complessiva del piano di lavoro articolato nei diversi pacchetti di lavoro e nelle loro componenti (diagramma di Gantt o simile)

descrizione di ciascun pacchetto di lavoro 

descrizione dei principali risultati

 

3.2 struttura e procedure di gestione (managment)

Descrivere la struttura organizzativa e il processo gestionale

Dimostrare la coerenza tra la struttura organizzativa e la complessità del progetto 

Descrivere eventuali rischi critici relativi alla realizzazione del progetto e fornire una tabella con i rischi individuati e le azioni predisposte per far fronte a tali rischi

 

3.3 Consorzio nel suo complesso

I singoli membri del consorzio sono descritti in una sezione separata, 4. Non occorre ripetere qui che le informazioni

Descrivere il consorzio e in che modo potrà corrispondere agli obiettivi del progetto dimostrando la complementarietà dei ruoli 

Descrivere l'eventuale coinvolgimento industriale / commerciale nel progetto per garantire lo sfruttamento dei risultati 

Paesi terzi: Se uno o più partecipanti si trova in un paese che non è automaticamente beneficiario dei finanziamenti UE, occorre spiegare perché la partecipazione del soggetto in questione è essenziale per la realizzazione del progetto

 

Membri del consorzio

Per ogni partecipante occorre fornire:

descrizione del soggetto giuridico e dei suoi principali compiti, con una spiegazione di come il suo profilo corrisponde ai task della proposta

curriculum vitae o descrizione del profilo delle persone principali responsabili dello svolgimento delle attività di ricerca e / o di innovazione proposti

elenco di massimo 5 pubblicazioni rilevanti e / o prodotti, servizi o altri risultati attinenti al contenuto della call

elenco di massimo 5 progetti precedenti rilevanti o attività legate al tema della proposta 

descrizione di tutte le infrastrutture significative e/o grosse attrezzature tecniche, rilevanti per il lavoro proposto 

 

Etica

Se nel formulario amministrativo sono stati spuntati problemi di etica, allora è necessario:

presentare un'auto-valutazione etica, che:

descriva come la proposta soddisfa i requisiti legali ed etici nazionali del paese o dei paesi in cui devono essere eseguiti i compiti che sollevano problematiche etiche

spieghi in dettaglio come si intendono affrontare le questioni etiche, in particolare per quanto riguarda:

obiettivi di ricerca (ad esempio lo studio delle popolazioni vulnerabili)

metodologia di ricerca (ad esempio studi clinici, il coinvolgimento dei bambini e delle relative procedure di consenso, la protezione di tutti i dati raccolti, etc.)

il potenziale impatto della ricerca (ad esempio possibili danni ambientali, rappresaglie politiche o finanziarie, etc.)

fornire i documenti necessari in base al diritto nazionale 

 

 

Sinergie con i Fondi strutturali 


La Commissione europea punta alla creazione di utili Sinergie tra H2020 e Fondi strutturali

Primo concreto risultato è stata la creazione del Seal of excellence, sigillo che viene attribuito ai progetti ben valutati ma non finanziati per mancanza di risorse sufficienti, per ora nel solo ambito dello SME instrument. Il sigillo di eccellenza permette, nelle regioni che aderiscono alla procedura, di finanziare direttamente, senza ulteriori verifiche, quei progetti che abbiano positivamente superato la valutazione nell'ambito delle call H2020

Come diventare un Esperto valutatore H2020

 

Esperti indipendenti assistono i servizi della Commissione con compiti connessi al programma quadro per la ricerca e l’innovazione

Condizioni per essere nominato Esperto:

- avere un elevato livello di competenza nei campi rilevanti della ricerca e dell’innovazione

- essere disponibili per occasionali incarichi a breve termine

Tutti possono chiedere di diventare Esperto, ma la Commissione seleziona la maggior parte degli Esperti tra le candidature provenienti dai paesi membri dell’Unione e dai paesi associati

Gli Esperti sono peer reviewers e assistono nella:

- valutazione delle proposte

- monitoraggio delle azioni

- preparazione, miglioramento e valutazione dei programmi e progettazione delle politiche. In questa veste di stakeholder, l'Esperto svolge un ruolo fondamentale di messa a punto della politica comunitaria

Gruppi consultivi ed esperti H2020 forniscono alta qualità e tempestiva consulenza sui servizi della Commissione durante la preparazione dei programmi di lavoro di Horizon 2020 
Dettagli circa i gruppi consultivi sono disponibili nell’European Commission’s Register of Expert Groups

Participant Portal Experts Section

 

Gestione della trasparenza

 

Le attività dell'Unione europea influenzano la vita di milioni di cittadini. Le decisioni che li riguardano devono essere adottate con la massima trasparenza

I cittadini europei hanno il diritto di sapere come le istituzioni preparano le decisioni, chi contribuisce a elaborarle, chi riceve finanziamenti dal bilancio dell'UE e quali documenti sono usati o prodotti per preparare e adottare gli atti giuridici. Hanno inoltre il diritto di accedere a questi documenti e di esprimere il proprio parere, direttamente o indirettamente, mediante gli intermediari che li rappresentano

Il Portale sulla Trasparenza è una finestra su questo mondo

Il Portale fornisce informazioni su:

 

Accesso alla legislazione europea

- EUR-Lex

- Programma di lavoro

- Tabelle di marcia

 

Accesso alle consultazioni pubbliche

Le consultazioni consentono di esprimere pareri su aspetti fondamentali delle proposte della Commissione in fase di preparazione, nonché valutazioni circa l'adeguatezza delle normative vigenti. Le consultazioni pubbliche sono aperte per un periodo di almeno 12 settimane

 

Accesso ai documenti

- Registro dei documenti della Commissione

- Information on access to documents

- Modulo di richiesta di accesso a documenti interni

- Cerca un comitato

 

Registro dei gruppi di esperti

Il registro è stato istituito dalla Commissione per garantire trasparenza sui gruppi di esperti che la assistono per quanto riguarda:

- la preparazione di proposte legislative e iniziative politiche

- la preparazione di atti delegati

- l'attuazione della legislazione, dei programmi e delle politiche dell'UE, compresi il coordinamento e la cooperazione con gli Stati membri e i portatori di interessi in materia

Nel registro figurano sia i gruppi di esperti della Commissione che altri organismi analoghi, ossia organismi consultivi istituiti dal legislatore dell'Unione e non dalla Commissione che svolgono un ruolo analogo o identico a quello dei gruppi di esperti della Commissione, la quale ne assicura l'amministrazione e la gestione finanziaria.

Per ciascun gruppo di esperti, il registro fornisce informazioni utili sul servizio della Commissione che gestisce il gruppo, i membri che lo compongono, le sue funzioni e i suoi compiti. Il registro contiene inoltre documenti pertinenti elaborati e discussi dai gruppi.

 

Registro per la trasparenza

Il Registro per la trasparenza è un sito Internet pubblico in cui si registrano le organizzazioni che rappresentano interessi particolari a livello dell'Unione europea per garantirsi informazioni aggiornate sulla gestione comunitaria di tali interessi

Le istituzioni dell’UE interagiscono con un’ampia gamma di gruppi e organizzazioni che rappresentano interessi specifici. Il dialogo ed il confronto con tali gruppi assicura che le politiche dell’UE rispecchino le esigenze reali dei cittadini europei. Il processo decisionale deve essere trasparente per permettere un controllo adeguato e garantire che le istituzioni dell’Unione agiscano in maniera responsabile

Il Registro per la Trasparenza serve a rispondere alle seguenti domande:

  • Quali interessi sono rappresentati a livello dell’UE?
  • Chi rappresenta questi interessi, e per conto di chi?
  • Con quali dotazioni finanziarie?

La SUN è iscritta al Registro dal 2011

Disseminazione dei risultati della Ricerca in Open Access

 

La strategia di Europa 2020 per un’economia sostenibile e solidale sottolinea il ruolo centrale della conoscenza e dell’innovazione ai fini dello sviluppo. L’accesso pieno, aperto e diffuso alle pubblicazioni scientifiche e ai dati contribuisce a: 

- costruire sui precedenti risultati della ricerca

- incoraggiare la collaborazione evitando spreco di energie

- velocizzare l’innovazione

- includere i cittadini nella crescita scientifica incoraggiando la trasparenza dei processi scientifici

Questo è il motivo per cui l’Unione europea si impegna a migliorare l’accesso alle informazioni scientifiche e a diffondere i risultati derivanti dagli investimenti pubblici nella ricerca finanziata dal programma quadro Horizon 2020

Le basi legali dell’open access sono stabilite dallo stesso programma quadro e chiarite nelle regole di partecipazione. Questi principi sono tradotti in specifici requisiti descritti nel Model Grant Agreement e nei Work Programmes

L’articolo 29.2 del Model Grant Agreement stabilisce requisiti legali dettagliati circa l’accesso aperto alle pubblicazioni scientifiche

Nell’ambito di Horizon 2020 ogni beneficiario di finanziamenti deve assicurare l’accesso aperto a tutte le pubblicazioni scientifiche referate relative ai risultati conseguiti nelle ricerche sostenute con fondi pubblici. Per "pubblicazione scientifica" si intende, in senso stretto, una pubblicazione peer-reviewed, valutata da altri studiosi. Anche se non obbligatorio, i beneficiari di progetti finanziati da H2020 sono caldamente invitati a fornire libero accesso ad altri tipi di pubblicazioni scientifiche quali monografie, atti del convegno e letteratura grigia (anche materiale pubblicato informalmente, non controllato da editori scientifici, ad esempio report)

Lo strumento dell’open access per la ricerca europea – OpenAIRE - è il punto di accesso suggerito ai ricercatori per scegliere in quale archivio depositare le pubblicazioni

Si sono affermate due strategie principali per garantire pubblicazioni ad accesso aperto:

viene definita via verde, green road, la pratica dell'autoarchiviazione, self-archiving, da parte degli autori, di copie dei loro articoli in archivi istituzionali o disciplinari, o ancora nei loro siti personali. L'accesso, in questo caso, è spesso ritardato con un periodo di embargo durante il quale gli editori scientifici recuperano i loro investimenti 

viene definita via d'oro, gold road, la pubblicazione in riviste in cui gli articoli sono direttamente ed immediatamente consultabili ad accesso aperto. Tali riviste vengono chiamate riviste ad accesso aperto. I costi sostenuti dal ricercatore sono rendicontabili sul progetto nella voce "other costs"

Per "open data" o "research data" si intendono i dati della ricerca scientifica (dati inclusi nella pubblicazioni o dati grezzi). Informazioni, numeri, i risultati dell'indagine, registrazioni di interviste, immagini etc., raccolti e utilizzati per la ricerca. Nel caso di dati aperti, possiamo avere: libero accesso e uso gratuito oppure accesso ristretto.

Come indicato nel programma di lavoro 2017, l'Open Access è necessario per tutte le aree tematiche di H2020. Tuttavia non tutti gli strumenti sono adatti per la condivisione dei dati di ricerca. Sono esclusi i seguenti strumenti: "Co-finanziamenti", "Premi", "ERC proof of concept", "ERA-NET" che non producono dati, SME instrument in fase 1. Verrà richiesto un Data Management Plan per tutti i progetti secondo il programma di lavoro 2017. Il DMP è un documento che serve ad evidenziare come si intende gestire i risultati della ricerca sia durante la ricerca che dopo il completamento del progetto. Il DMP non è un documento statico, ma si evolve durante il ciclo di vita del progetto. Il DMP deve rispondere a tutte le informazioni richieste nell'annex 1. In fase di proposta occorre fare soltanto riferimento al fatto che il DMP verrà prodotto all'inizio del progetto, prima del mese 6.

OpenAIRE raccoglie circa 700 fonti di open access, tra riviste e archivi istituzionali 

OpenAIRE

 

 

facebookGY